Ricerca dello sviluppo
Più forza all'impresa con tecnologia e innovazione

Le ragazze possono 2: dal dire al fare

Il progetto «Le ragazze possono 2: dal dire al fare», continuazione della positiva esperienza inaugurata nel 2014, ha avuto l'obiettivo di sensibilizzare e incoraggiare le ragazze alla scelta consapevole di lauree STEM (Scienza, Tecnologia, Ingegneria e Matematica). Decidere a quale università iscriversi o immaginare le possibilità di lavoro e di avanzamento professionale da parte delle studentesse e delle neo-laureate è spesso difficile: mancanza di consapevolezza, debolezza dei percorsi di orientamento, stereotipi di genere e possibili ostacoli alla carriera rappresentano per molte giovani delle difficoltà insormontabili. L’iniziativa ha utilizzato strumenti e modalità differenziate di coinvolgimento delle giovani - incontri nelle scuole, workshop motivazionali, sportello di mentoring – per far conoscere figure positive di riferimento con competenze tecnico-scientifiche, rafforzare la scelta di percorsi di studi STEM e indirizzare nella professione. In questa seconda fase il progetto si è rivolto alle studentesse - delle scuole di secondo grado e università - e alle donne che hanno appena concluso il ciclo di studi universitari. Tra le novità di questa ultima edizione, l’attenzione alle giovanissime (10-14 anni), grazie a focus-group mirati, e alle potenziali startupper.

Il progetto, realizzato nell'ambito dell'iniziativa Regione Lombardia "Progettare la Parità in Lombardia - 2015", ha avuto una durata di 9 mesi. Capofila è stata AIDIA, l’Associazione Nazionale Donne Ingegneri e Architetti, hanno partecipato al progetto come partner il Politecnico di Milano, la Fondazione PolitecnicoIngegneria senza Frontiere, PoliHub e Liberamente Onlus.

Maggiori informazioni al sito www.leragazzepossono.org.

Canali social:
Twitter / www.twitter.com/ragazzepossono
Instagram / www.instagram.com/leragazzepossono

STATO DEL PROGETTO: TERMINATO



 

SEGUICI

Newsletter Iscrizione alla Newsletter