HERMES-SP

Una costellazione di nanosatelliti per osservare l’universo

novembre 2018

- ottobre 2021

Guarda il video

TEMI

Space 4.0

Il progetto

HERMES-SP prevede la realizzazione di tre nanosatelliti di piccole dimensioni, che tramite rivelatori in banda X ad alta tecnologia, saranno in grado di localizzare le enormi esplosioni cosmiche dette lampi spaziali (Gamma Ray Burst – GRB), osservarle, registrarle e inviare i relativi dati alla Terra.
I tre nanosatelliti, che voleranno in formazione, si aggiungeranno ad altri tre analoghi in fase di realizzazione da parte dell’Agenzia Spaziale Italiana. Saranno quindi sei i nanosatelliti che andranno a comporre la futura costellazione satellitare HERMES-Full Constellation (HFC).
L’idea alla base del progetto è di monitorare con continuità l’intera volta celeste, individuare tempestivamente e localizzare precisamente il maggior numero di eventi cosmici e di trasmetterne velocemente le caratteristiche alla comunità scientifica.

 

Il ruolo della Fondazione

Fondazione Politecnico di Milano è partner del progetto

Dettagli tecnici

Il progetto HERMES-Scientific Pathfinder (SP), è finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito di Horizon 2020 SPACE-20-SCI.
Il progetto è coordinato dall’Istituto Nazionale di Astrofisica e coinvolge undici partner fra cui il Dipartimento di Scienze e Tecnologie Aerospaziali del Politecnico di Milano e numerose Università e piccole medie imprese Europee. HERMES–SP può contare anche sul supporto dell’Agenzia Spaziale Italiana.
Il gruppo di Michèle Lavagna del dipartimento di Scienze e Tecnologie Aerospaziali del Politecnico di Milano svilupperà e costruirà le piattaforme di volo miniaturizzate ad alta prestazione.