Sicab

Tutela ambientale e sviluppo sostenibile tra Italia e Cina

novembre 2017

- maggio 2020

Guarda il video

TEMI

Circular economyConnettività e Informazione

Il progetto

Sicab-Sino Italian capacity building for environmental protection è un programma di alta formazione, promosso dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, per la condivisione di conoscenze su temi ambientali quali: cambiamento climatico, sviluppo sostenibile, prevenzione e gestione dell’inquinamento, gestione e smaltimento dei rifiuti, green economy. Sicab si rivolge a dirigenti, alti funzionari e ricercatori di enti e istituzioni cinesi, offrendo loro contenuti formativi attraverso lezioni in aula, analisi di casi studio e visite presso aziende, centri di ricerca e laboratori universitari. Inoltre, il programma mira alla creazione di una community allo scopo di far conoscere ai discenti coinvolti le tecnologie e le esperienze italiane e promuovere scambi economici, culturali e istituzionali tra Italia e Cina.

Il ruolo della Fondazione

È responsabile del project management, della definizione e dell'attuazione della strategia di comunicazione. Costruisce le relazioni con gli enti cinesi coinvolti.

Dettagli tecnici

Sicab si inserisce nel quadro del Programma di Cooperazione Italia-Cina per la Protezione Ambientale (SICP), nato nel 2003 a seguito di una dichiarazione congiunta firmata dal Ministero dell’Ambiente italiano e da quello cinese. Il documento evidenziava la natura globale delle questioni ambientali, insieme alla necessità di giungere a soluzioni efficaci e durature attraverso la cooperazione internazionale. Negli anni, SICP si è ampliato grazie alla partecipazione di tutte le principali istituzioni cinesi competenti in materia ambientale, formando a oggi più di 10.000 rappresentanti delle istituzioni e del settore privato nell’ambito di più di 250 corsi. Nel 2018 si configura come Sicab e, per il biennio 2018-2019, il programma viene realizzato da un consorzio professionale che ha l’obiettivo di rafforzare la capacità dei funzionari cinesi di apprendere sistemi di gestione, metodi ed esperienze dell’Unione Europea e dell’Italia in campo ambientale.

Primi risultati

Ad oggi sono stati realizzati 15 corsi in Italia e 9 in Cina che hanno coinvolto 640 discenti.

Finanziatori