DADO

Un Depuratore Antibatterico ad alta tecnologia

 

febbraio 2017

- novembre 2019

TEMI

Industria 4.0

Il progetto

La qualità dell’aria negli ambienti indoor, dove l’uomo trascorre la quasi totalità del proprio tempo, è profondamente mutata negli ultimi anni a seguito sia dell’entrata in vigore delle norme antifumo, che a seguito dell’uso sempre più diffuso di sistemi di climatizzazione. Un efficiente sistema di depurazione ambientale deve pertanto essere in grado, di abbattere il più possibile i batteri aerodispersi, ma soprattutto deve uccider i batteri che vengono bloccati sui filtri. Se per gli ambienti outdoor maggiore attenzione deve essere data a particolato solido (PST) e ossidi di azoto (NOx), specie correlate soprattutto al traffico veicolare, negli ambienti indoor maggiore attenzione deve essere data ai composti organici volatili (VOC), ma soprattutto alla presenza di batteri, quasi sempre presenti in tenori elevati, e virus.

Il progetto ha visto la collaborazione di aziende e Politecnico di Milano per lo studio e la realizzazione di filtri ad alta tecnologia per l’abbattimento della carica batterica negli ambienti.

Politecnico di Milano, NextMaterials srl e Soliani EMC srl hanno sviluppato e brevettato, grazie al progetto, innovativi filtri fotocatalitici antibatterici, chiamati FiltriNext, in grado se abbinati ad illuminazione UV, di diminuire il rischio di contaminazione batterica e migliorare la qualità dell’aria negli ambienti indoor. Una successiva indagine bibliografica commissionata al Laboratorio di Microbiologia del Dipartimento di Chimica, Materiali e Ingegneria Chimica “Giulio Natta” – Politecnico di Milano ha dimostrato che l’effetto combinato della illuminazione UV e della fotocatalisi è in grado di disattivare tutti i microorganismi (batteri e virus).

 

Il ruolo della Fondazione

La Fondazione Politecnico di Milano ha collaborato al progetto

Dettagli tecnici

Il progetto è stato strutturato in Fasi:
Fase 1 – Sviluppo di nuovi filtri ad alta capacità filtrante
Fase 2 – Progettazione e prototipazione di un dispositivo di ricircolo dell’aria
Fase 3 – Verifica dell’efficienza in laboratorio ed in ambienti reali
Fase 4 – Industrializzazione del depuratore con innovazione di prodotto

Risultati ottenuti

I FiltriNext hanno lunga durata, grazie alla loro struttura tridimensionale in grado di bloccare soprattutto particolato solido e batteri senza intasarsi, e possono essere facilmente lavati fino a 10 volte, anche nelle lavastoviglie. Possono essere utilizzati in impianti di riscaldamento, condizionamento e in sistemi di ventilazione dell’aria già esistenti, in sostituzione o aggiunta ai tradizionale filtri HEPA; in frigoriferi domestici o banchi frigorifero di negozi e supermercati per migliorare la sicurezza a la conservazione di alimenti; in depuratori per ambienti indoor appositamente progettati; in armadi, scarpiere ed altri mobili; in appositi depuratori per auto.

Finanziatori